©2020 by Studio Psicologia Bassano. 

  • Gabriel Muñoz

Lavoro di gruppo nel sociale

Lavorare in gruppo è una necessità per tutti coloro che hanno bisogno di relazionarsi con altri per conseguire i propri obiettivi.

Nel mondo di oggi questa necessità è in continuo aumento: in molti settori la specializzazione delle competenze individuali rende ciascuno di noi capace di occuparsi soltanto di una parte limitata dei processi di lavoro. Abbiamo estremo bisogno di relazionarci con altri per ottenere risultati efficaci nel nostro ambito di lavoro.

Purtroppo, solo in alcune realtà organizzative il lavoro in gruppo viene vissuto come un’opportunità, un piacere, un arricchimento personale e professionale. Nella maggior parte dei casi, prevalgono la fatica, il disagio, l’insoddisfazione o la rabbia.

Questo perché in tutti i lavori di gruppo si presentano dinamiche che limitano la collaborazione.

Non basta mettere insieme delle persone perché un aggregato umano possa essere definito “gruppo”. Non basta quindi mettersi in cerchio per essere una équipe funzionante. Spesso si chiama gruppo di lavoro o équipe ciò che non lo è.

Per essere un gruppo di lavoro vero bisogna conoscere una metodologia, avere esperienza della dinamica gruppale e saper applicare principi teorici e metodologici.

Il lavoro di gruppo viene identificato anche con il termine équipe che deriva dal verbo équiper, che anticamente significava “imbarcarsi”, e si definisce come insieme di persone che perseguono un fine comune o collaborano nello stesso settore di attività. Quindi un concetto derivante dal mondo della navigazione, che ci insegna a non governare venti e correnti, ma ad assecondare questi elementi sapientemente.

Il gruppo è un sistema relazionale: un insieme di unità (le persone che lo formano) in relazione (attraverso la comunicazione) e interdipendenti rispetto a un compito. Il gruppo è diverso dalla somma delle persone che lo costituiscono, in quanto è l’insieme delle relazioni tra le persone.

Un gruppo non esiste nel momento in cui nasce. Un gruppo si diventa.

Ma è possibile che un gruppo diventi di più che un insieme di persone?

Noi crediamo che ciascun componente di un gruppo possa essere, con i giusti stimoli, in grado di riconoscere e gestire fenomeni relazionali e le dinamiche che il gruppo genera per evitare che rappresentino degli ostacoli al lavoro e per utilizzarle al servizio dell’obiettivo.

Attraverso esercitazioni è possibile (ri)apprendere il lavoro di gruppo, acquisire le metodologie per la gestione delle riunioni, per la presa delle decisioni, per raccogliere e trasformare le idee in progetti operativi concreti.


Se vuoi sapere di più sulle nostre proposte per i gruppi di lavoro


Contattaci a studiopsicologiabassano@gmail.com



112 visualizzazioni