top of page
  • Immagine del redattoreAlessia Giacometti

Orientamento e Orientamento Preventivo: la strada che porta a scelte consapevoli

L'orientamento scolastico e professionale, ambito di cui si occupano anche alcuni professionisti di Studio Psicologia Bassano, si propone di facilitare la conoscenza di sé, dell'ambiente formativo, lavorativo, sociale, culturale ed economico di riferimento, nonché delle strategie necessarie per interagire con tali realtà. L'obiettivo è favorire lo sviluppo delle competenze necessarie per definire autonomamente obiettivi personali e professionali coerenti con il contesto, elaborare un progetto di vita e sostenere le scelte connesse (Accordo sull'Orientamento Permanente, 2012).

Negli anni '70 è iniziato un processo di transizione dai modelli orientati al matching tra le caratteristiche personali e i profili professionali a modelli incentrati sulla responsabilizzazione e consapevolezza individuale nello sviluppo delle competenze orientative. Ciò ha trasformato l'orientamento in un processo di auto-orientamento in cui il soggetto diventa l'agente principale delle scelte, assumendo una posizione attiva nel processo decisionale.

L'orientamento ha diversi obiettivi, tra cui favorire la ricerca e la comprensione dell'identità e del ruolo di ciascun individuo, contrastare il disagio formativo, promuovere l'occupabilità e l'inclusione sociale. Al centro di questi obiettivi c'è la persona stessa, con le sue specificità e il suo collegamento con l'ambiente di vita.

Nella società contemporanea, caratterizzata da complessità e mutevolezza, diventa fondamentale promuovere azioni di orientamento preventivo sin dalla scuola primaria. Queste azioni mirano a fornire alle persone le competenze necessarie per affrontare il futuro e compiere scelte consapevoli basate sui propri interessi. L'orientamento preventivo si basa sul paradigma del life design, che sottolinea l'evoluzione continua dell'individuo e la sua capacità di adattamento e di costruzione di una propria identità professionale.

Inoltre, l'orientamento nel terzo millennio si lega al concetto di lifelong learning, in cui l'individuo è chiamato a gestire in modo proattivo la propria carriera, adattandosi ai cambiamenti del lavoro e dell'occupazione lungo tutta la vita. Le scelte formative e professionali sono parte di un processo di sviluppo umano più ampio, in cui la persona si confronta con tappe prevedibili e talvolta critiche. L'orientamento deve essere presente sin dall'infanzia e trasversale a tutte le discipline, consentendo alla persona di formarsi come un soggetto "capace di scegliere".

Per supportare le persone nel processo decisionale, è necessario esplorare alcune dimensioni fondamentali: l'immagine di sé, gli interessi, i valori professionali le rappresentazioni del lavoro e gli stili decisionali. L'immagine di sé si forma a partire dalle informazioni ricevute dagli "altri significativi" e influenza la percezione dell'esperienza scolastica e della qualità della vita a scuola. Gli interessi riflettono l'atteggiamento favorevole verso determinate attività lavorative, mentre i valori professionali rappresentano quei significati che generalmente le persone desiderano ritrovare nel proprio ambiente lavorativo o nell’esercizio della loro professione e che possono essere fon- te di soddisfazione e di riuscita (ad esempio, la possibilità̀ di produrre in modo creativo oppure di lavorare a contatto con le persone, ecc.). Le rappresentazioni del lavoro si costruiscono attraverso l'osservazione degli adulti e dei media, mentre gli stili decisionali riguardano la capacità di prendere decisioni in modo consapevole e sono cruciali per le scelte formative e lavorative.

Dunque, in conclusione si può sottolineare come l’orientamento e l'orientamento preventivo possano essere considerati come processi essenziali per guidare le persone nel loro sviluppo personale e professionale. L'orientamento lungo tutto l'arco della vita, basato sulla consapevolezza e sull'auto-orientamento, favorisce scelte autentiche e coerenti con le proprie aspirazioni e valori. La valutazione delle variabili orientative sin dalle prime fasi dello sviluppo permette di individuare le risorse e le potenzialità delle persone, evitando scelte casuali o influenzate da elementi esterni. L'obiettivo è creare un percorso di crescita e autonomia che consenta a ciascuno di realizzare il proprio potenziale e di vivere una vita soddisfacente e significativa.

I professionisti di Studio Psicologia Bassano realizzano incontri formativi rivolti sia ai ragazzi sia ai loro genitori. Inoltre, la Dottoressa Stefania Zin realizza percorsi di orientamento e di riorientamento alle scelte scolastiche e professionali, sia singolarmente sia in piccoli gruppi, presso lo studio in Viale Venezia 24 a Cassola. Per ricevere informazioni in merito ai percorsi di orientamento, scrivere a territorio@studiopsicologiabassano.it

Per rimanere aggiornato sui prossimi eventi formativi, segui la nostra pagina Facebook cliccando qui.

78 visualizzazioni0 commenti
bottom of page